Studio Raccuglia

logo-commercialisti-promo

STUDIO FISCALE E TRIBUTARIO
ROMA E NAPOLI

Servizi IVA: quando si verifica il fatto generatore e l’esigibilità. Da riscrivere le norme del D.P.R. n. 633/1972

La Norma di Comportamento n. 223 dell’Associazione Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Milano analizza con estrema chiarezza il momento impositivo dei servizi IVA, caratterizzato dall’intensa interazione fra il fatto generatore e l’esigibilità dell’imposta e sottende l’esigenza di adeguare la normativa nazionale alle indicazioni del legislatore europeo che, già con la VI Direttiva, ha ribadito un punto fermo: il fatto generatore e l’esigibilità possono nascere nello stesso istante, salvo l’adozione delle specifiche deroghe previste dalla Direttiva. Pertanto, secondo l’AIDC l’esigibilità dell’IVA sui servizi si ha all’atto del pagamento del corrispettivo, salvi i soli criteri in deroga disposti dall’articolo 6 del D.P.R. n. 633/1972, in relazione alle fatturazioni anticipate, alle prestazioni gratuite in autoconsumo, periodiche e non, nonché ad alcune operazioni ivi precisate che prevedono il coinvolgimento di un soggetto non residente. In questa prospettiva sarebbero da riscrivere le disposizioni del D.P.R. n. 633/1972 che regolano il momento impositivo dell’IVA.