Studio Raccuglia

logo-commercialisti-promo

STUDIO FISCALE E TRIBUTARIO
ROMA E NAPOLI

Sanatoria degli scontrini elettronici con ravvedimento operoso

Il nuovo decreto Energia approvato dal Consiglio dei Ministri del 25 settembre prevede la possibilità di regolarizzare, entro il 15 dicembre 2023, le violazioni di alcuni obblighi in materia di certificazione dei corrispettivi, commesse tra il 1° gennaio 2022 e il 30 giugno 2023, mediante il ricorso al ravvedimento operoso, anche qualora le stesse siano già state “constatate”. Ai fini della completa regolarizzazione, il contribuente dovrà memorizzare e trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate gli scontrini elettronici omessi, versare la sanzione ridotta, a seconda del ritardo con cui si regolarizza la violazione, presentare la dichiarazione IVA integrativa se le violazioni sono relative all’anno 2022 (versando la maggiore imposta, con gli interessi moratori e la sanzione); se le violazioni si riferiscono all’anno 2023, versare la differenza d’imposta qualora la violazione abbia comportato un omesso o carente versamento di IVA in sede di liquidazione periodica.