Studio Raccuglia

logo-commercialisti-promo

STUDIO FISCALE E TRIBUTARIO
ROMA E NAPOLI

Reddito di lavoro autonomo oggetto di concordato preventivo biennale: escluse le plus/minusvalenze

Il reddito di lavoro autonomo proposto al contribuente ai fini del concordato preventivo biennale sarà determinato effettuando la differenza tra i compensi percepiti e le spese sostenute. Dalla lettura dello schema di decreto delegato in materia di procedimento accertativo, approvato dal Consiglio dei Ministri del 3 novembre, si comprende come la proposta sia finalizzata alla determinazione di un reddito di lavoro autonomo tenendo in considerazione esclusivamente i componenti reddituali “ordinari”. Si prevede, infatti, espressamente che il reddito contenuto nella proposta venga determinato senza tenere conto delle plusvalenze e minusvalenze. La rideterminazione del reddito sterilizzando le plusvalenze e le minusvalenze si pone in evidente controtendenza con le indifferibili esigenze di semplificazione del sistema.