Studio Raccuglia

logo-commercialisti-promo

STUDIO FISCALE E TRIBUTARIO
ROMA E NAPOLI

Nella riforma fiscale entra il Codice della crisi d’impresa: cosa cambierà per curatori, commissari e liquidatori

La delega fiscale prevede la revisione e riqualificazione di obblighi e adempimenti nelle procedure disciplinate nel Codice della crisi d’impresa. Si prevede l’applicazione del regime di tassazione del reddito d’impresa per fallimenti e liquidazioni giudiziali, utilizzando il principio del residuo attivo in un unico periodo d’imposta che ha durata stabilita dall’apertura della procedura fino alla sua chiusura. Alle regolazioni della crisi disciplinate dal D.Lgs. n. 14/2019 vengono estese la detassazione, in capo all’impresa risanata, delle sopravvenienze attive derivanti dalla riduzione dei debiti e la deducibilità delle perdite su crediti a favore delle imprese che dall’esecuzione della procedura di risanamento non dovessero incassare l’intero credito. Un’opportunità attesa da tempo riguarda poi la composizione negoziata della crisi, dove troverà applicazione la transazione fiscale per il pagamento parziale o dilazionato dei tributi, anche locali.