Studio Raccuglia

logo-commercialisti-promo

STUDIO FISCALE E TRIBUTARIO
ROMA E NAPOLI

La proposta BEFIT riduce i costi di tax compliance ma non assicura l’equità

Con la proposta di direttiva BEFIT (Business in Europe: Framework for Income Taxation), la Commissione europea prefigura l’introduzione di regole uniformi a livello unionale ai fini della determinazione della base imponibile delle società che fanno parte di uno stesso gruppo. La proposta, da un lato, centra l’obiettivo di stimolare la crescita e gli investimenti, riducendo i costi di tax compliance che gravano sui grandi player internazionali che effettuano operazioni transfrontaliere. Dall’altro lato, tuttavia, le nuove regole non sembrano assicurare un più equo riparto dei diritti impositivi a livello europeo, poiché non appaiono idonee a neutralizzare il vantaggio concorrenziale che deriva dall’applicazione di regimi di vantaggio riservati alle multinazionali dai paradisi fiscali dell’Unione i quali, in un vizioso “gioco al ribasso”, sovente attuano politiche di competizione fiscale sleale, a danno dei gettiti erariali degli altri Stati membri.