Studio Raccuglia

logo-commercialisti-promo

STUDIO FISCALE E TRIBUTARIO
ROMA E NAPOLI

Assegnazione agevolata ai soci: inammissibile se il terzo beneficiario non riveste la qualifica di ”socio”

L’adozione di un contratto a favore di terzo privo della qualifica di socio all’ipotesi di assegnazione agevolata dei beni ha in concreto l’effetto di determinare la traslazione della proprietà dei beni, oggetto di assegnazione, direttamente in capo al terzo­beneficiario, che non riveste la qualifica di ”socio” della società assegnante, requisito (quello di essere ”socio” dell’assegnante) richiesto espressamente dalla norma agevolativa ai fini della sua applicazione. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 457 del 10 novembre 2023.